ODIT - Osservatorio di Diritto Tributario

You are here: Home » Documentazione » Procedure d'infrazione UE

Procedure d'infrazione UE

E-mail Stampa PDF

Ai sensi dei Trattati, si parla di inadempimento degli Stati membri ogni qualvolta un’amministrazione nazionale (centrale, regionale o locale) ponga in essere una violazione del diritto dell’Unione attraverso un comportamento attivo o omissivo. La procedura di infrazione costituisce lo strumento attraverso il quale la Commissione europea svolge la propria funzione di controllo del rispetto del diritto dell’Unione da parte degli Stati membri che le è attribuita dall’articolo 17 del TUE e che ha la finalità di porre rimedio a tale inadempimento. Essa si articola in due fasi. La prima fase è quella c.d. “pre-contenziosa”, scandita dall’emissione da parte della Commissione della lettera di messa in mora e poi del parere motivato in base all’art. 258 TFUE. La messa in mora è l’atto che segna l’apertura formale della procedura di infrazione. Con esso la DG della Commissione competente in materia identifica la violazione del diritto dell’Unione che viene contestata e prevede un termine entro il quale lo Stato può comunicare le proprie osservazioni e argomentazioni di risposta alla richiesta della Commissione. Nel caso in cui non pervenga risposta oppure le informazioni trasmesse non siano valutate soddisfacenti, la Commissione adotta un parere motivato (art. 258, § 1, TFUE), con cui constata la sussistenza della violazione e invita lo Stato a prendere tutte le misure necessarie per porre fine a tale situazione. Allorché lo Stato non si conformi al parere della Commissione, può aprirsi la fase contenziosa della procedura di infrazione, la quale si svolge dinanzi alla Corte di giustizia (art 258, § 2, TFUE). Nel caso in cui il giudice dell’Unione condivida la valutazione effettuata dalla Commissione, viene pronunciata una sentenza che dichiara la sussistenza dell’infrazione e a cui lo Stato è tenuto a conformarsi, adottando tutte le misure necessarie per adeguare l’ordinamento interno a quello dell’Unione (art. 260, § 1, TFUE). Allorché l’esecuzione della sentenza non venga posta in essere, la Commissione ha la facoltà di adire nuovamente la Corte di giustizia, chiedendo l’applicazione di una sanzione pecuniaria (art. 260, § 2, TFUE). Da notare la particolare situazione in cui la Commissione adisca la Corte a proposito di una presunta violazione da parte dello Stato dell’obbligo di comunicare alla Commissione le misure adottate in attuazione di una direttiva: in tal caso, l’art. 260, § 3, TFUE prevede che già il primo deferimento alla Corte possa essere accompagnato dalla richiesta da parte della Commissione dell’applicazione di una sanzione finanziaria (art. 260, § 3, TFUE). Le decisioni relative alle procedure di infrazione vengono adottate dal Collegio dei Commissari di norma ogni mese (cliccare qui per consultare l'elenco completo delle ultime decisioni del Collegio dei Commissari).

Denuncia n. 1/2012

Illegittimità comunitaria delle conseguenze derivanti dall'applicazione del sistema VIES

Calendario Eventi

Giugno 2017 Luglio 2017 Agosto 2017
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31

In collaborazione con:

loghi-partnersOK

Promo

bann accert processo NEW